SCIO

SCIO  Scientifc Conciousness Interface  Operation

E’  un sistema di biofeedback elettrofisiologico progettato per il rilevamento e il trattamento dello stress.

Il termine stress non attiene solo al mondo della psiche ma la medicina attuale e in particolare la PNEI (psico-neuro-endocrino-immunologia) lo utilizza per indicare la risposta non specifica dell’organismo ad uno stimolo negativo. Questa la definizione di Hans Selye, il medico ungherese che nel 1936 a Montreal nella Mc Gill University si occupò dei primi studi sulle patologie da stress .

Lo stress può provenire dunque da da diverse fonti  e tra queste le alimentari sono fondamentali.

Il sistema SCIO misura la reattività elettrofisiologica del paziente . Il sistema è calibrato al fine di misurare le sottili reazioni elettriche dovute ad un gruppo di stressor biologici, mentali e medicali.

Lo Scio opera in biofeedback con connessione cibernetica trivettoriale (1) , utilizzando contemporaneamente fino a 16 parametri elettrici:  in ambito prediagnostico può testare  la reazione di un organismo allo stimolo di oltre 9.000 sostanze differenti .

Scio  assiste il medico nell’analisi dettagliata di:

scio

• Intolleranze alimentari
• Problemi nutrizionali
• Foci dentali
• Deficienze vitaminiche e minerali
• Tossicità
• Funghi e parassiti
• Virus e batteri
• Fattori ambientali e inquinamento
•Analisi dei livelli ormonali, enzimatici e vitaminici

I nuovi campi  della Biorisonanza applicati in medicina

La Biologia e la Biofisica dimostrano che la capacità di regolazione della cellula dipende dal suo codice genetico, attivato e regolato nella sua espressione da “informazioni veicolate da fotoni o quanti di energia”.Le comunicazioni tra cellule avvengono dunque non solo attraverso mediatori chimici, che richiedono molto tempo per spostarsi ma avvengono anche su base fisica con onde che viaggiano a velocità molto elevate.
Ne deriva una risposta elettromagnetica che attiva reazioni biochimiche con produzione di molecole ad azione ormonale, nervosa e immunitaria che rappresentano il “linguaggio” attraverso il quale avvengono le comunicazioni tra cellule.La moderna medicina scientifica ha basato tutti i suoi progressi sulla chimica e ha creato dei farmaci molto validi in genre tendenti a eliminare i sintomi di una patologia .La salute non è però  solo assenza di sintomi, ma corretto funzionamento dei processi metabolici, ormonali e nervosi. Molto spesso il sintomo segnala l’avvio di un processo patologico
Da qui la necessità di intervenire direttamente sui processi metabolici con le stesse modalità che loro utilizzano , lo si può fare  grazie ai campi elettromagnetici . Questo genere di tecnologie sono entrate in uso comune per le onde radio per televisione, telefoni cellulari, telecomandi, ecc.. La medicina le utilizza già da tempo per la diagnostica radiografica (TAC, Risonanza magnetica) e per la terapia (radioterapia, magnetoterapia). Oggi  le onde elettromagnetiche si  possono usare anche in modo più sottile e sensibile per la prediagnostica finalizzata alla prevenzione e il riequilibrio cellulare e dei tessuti.

Cenni Storici Sulla Biorisonanza applicata alle intolleranze alimentari

Nei primi anni ’80  il  dispositivo SCIO viene  ideato  dal Dott. William Nelson e può contare, ad oggi,su ben 30 anni di ricerche compiute nel campo della Bio-Energetica ma le radici delle biorisonanza nel campo delle intolleranze alimentari sono antecedenti .

Negli  anni ’40   le ricerche dell’ingegnere  francese Andrè Simoneton anticiparono gli sviluppi scientifici successivi nel campo della diagnosi e della predisposizione di terapie nutrizionali che solo il medico può definire e applicare .  Con alcuni strumenti dell’epoca (contatore Geiger, una camera ionizzante di Wilson, il Biometro di Bovis) Simoneton  fu in grado di stabilire che ogni essere umano emette delle frequenze attorno ai 6200/7000 Angstroms (A). Constatò anche che al di sotto dei 6500 A l’organismo non riesce a mantenere un buono stato di salute e compare la malattia. Scopri così che “Ogni persona emette una radiazione tra 6200 e 7000 A. Il cibo possiede una bioenergia tra 0 e 11000. Gli alimenti in base alla bioenergia si dividono in Alimenti Superiori (> 6500), alimenti di appoggio (6500-3000), alimenti inferiori (< 3000) e alimenti morti (energia 0).”

Nel 1977, il medico tedesco Franz Morell sottolineò quanto fosse più semplice intervenire direttamente sul livello di controllo bioenergetico, piuttosto che su complessi chimici, attraverso i farmaci. Lui stesso mise a punto uno strumento di biorisonanza capace di captare le oscillazioni dal livello bioenergetico dell’organismo e di elaborare in segnali terapeutici individuali. Ideato un filtro in grado di separare le frequenze fisiologiche, cioè sane da quelle patologiche, fu così possibile curare le patologie in modo mirato.

Nel 1987 con il contributo delle ricerche scientifiche del professor C. Smith della Salford University in Inghilterra  fu sviluppata la terapia della Biorisonanza (detta TBR o BRT). Da queste ricerche si è potuto stabilire che esiste la profonda correlazione tra e energia e materia, già nota dal l’inizio del secolo grazie alle scoperte di Albert Einstein, si rileva come una particolare frequenza elettromagnetica associata a ogni tipo di sostanza sia organica che inorganica.

Negli anni 1992-1993 le possibilità per testare sostanze stressanti  si diffondono e nel 1999 si adottano adottano  sistemi di fiale di raccolta detti  “Sistemi test con Ampolle combinati” (“KTT”) che sono laboriosi e avvengono ancora per contatto .

Negli anni 2000,  le informazioni sulle sostanze vengono digitalizzate e ordinati per agenti patogeni diversi, e la tecnologia è in grado  di riprodurre il  segnale delle  onde elettromagnetiche tridimensionali  di ciascuna sostanza .

(1) NB: sulla connessione cibernetica trivettoriale :

Una  grandezza vettoriale è una grandezza fisica caratterizzata da una direzione, un verso e una intensità,

Il corpo è un complesso e dinamico e i fattori elettrici includono voltaggio, amperaggio, capacità, induttanza, frequenza , fase, coerenza, polarità, ecc..

Le basi della moderna elettrofisiologia sono da ricercarsi nel voltaggio, amperaggio e resistenza: i primi due valori possono essere effettivamente misurati, tutto il resto è una loro variante matematica.

SCIO  parte misurando canali multipli di queste variabili e i canali sono necessari per determinare istantaneamente e costantemente i cambiamenti nel potenziale elettrico e il suo flusso nel corpo.

L’apparecchiatura considera le quattro estremità e la testa e misura direttamente i quattro canali di voltaggio, quattro di amperaggio e quattro di resistenza. I dati arrivano nel computer che agisce come una cassa amplificazione e di frequenza.

Gli altri calcoli sono matematici.

La resistenza non può essere misurata direttamente, ma deve essere calcolata dall’amperaggio o dal voltaggio. Così come ogni misurazione di capacità non può misurare direttamente la capacità, ma deve essere calcolata matematicamente dal flusso del voltaggio o dell’amperaggio.

Scio misura contemporaneamente più di cinquanta dimensioni virtuali. Le variazioni del flusso di amperaggio e voltaggio danno la possibilità di misurare capacità e induttanza. Queste sono i riflessi degli effetti statici e magnetici della bioelettricità.

Variazioni nell’amperaggio e nel voltaggio consentono di misurare la frequenza, che non può essere misurata con i valori della sola resistenza. Per questa ragione la frequenza non è stata considerata dalle vecchie apparecchiature.

Le variazioni nel voltaggio, nell’amperaggio e nella resistenza, insieme,  danno reattanza e induttanza del sistema elettrico.

Questa è la misurazione più importante nella diagnostica: la reattanza elettrica è la migliore misurazione della reattanza biologica.

Da queste misurazioni possono essere estrapolate altre informazioni. Può essere misurata la biorisonanza, la reazione del corpo a nosodi, isodi, allersodi, sarcodi, a rimedi omeopatici classici, erbe, minerali, aminoacidi, enzimi, ormoni, batteri, funghi, parassiti, nervi, vertebre, muscoli e migliaia di altri elementi.

La risonanza del sistema è misurata determinando il potenziale evocato o la reazione del corpo a questi elementi.

Il potenziale evocato è la reazione elettrica del paziente a uno stimolo.

Analizzando il potenziale evocato, o la variazione nelle succitate 52 misurazioni, possiamo analizzare la struttura del corpo energetico del paziente.

La velocità di questa reazione è rapida. Il corpo elettrico è attratto verso i nutrienti e respinto dalle tossine .

La velocità di reattività è controllata dalla velocità dello scambio ionico, questa è la velocità di scambio nella reazione metabolica. SCIO è calibrata per ogni paziente nella sua individualità.

Per misurare i 52 fattori alla velocità biologica di 1/100 di secondo è necessario un computer, che lavora in un 1/10.000 di secondo e può sostenere 400 milioni di calcoli al secondo. In un solo test si ottengono da un paziente più di 65 milioni di bit di dati. La loro sofisticatezza e la natura dei calcoli frattali e di un “sistema caotico” rende imperativo l’utilizzo di un sistema di analisi non lineare. SCIO usa come base analitica il sistema matematico numerico incoerente di Fourier. Altri sistemi sono utilizzati quando necessari. Il computer può rilevare anomalie energetiche e ripararle automaticamente, come quando viene rettificato un circuito in un apparecchio televisivo.

Per questi motivi SCIO rappresenta la nuova tecnologia nella medicina energetica.

Un altro fattore positivo è costituito da fatto che ,  mentre gli utilizzatori delle vecchie apparecchiature che misuravano la resistenza potevano, volontariamente o involontariamente, alterare leggermente la velocità o la pressione di esecuzione e vanificare i risultati del test. Con SCIO né i medici né i pazienti possono influenzare coscientemente i risultati.

Il pensiero di Emanuele Severino nella sua "regale solitudine" rispetto all'intero pensiero contemporaneo

a cura di Vasco Ursini, autore di: Il dilemma verità dell'essere o nichilismo?

Sos Dislessia Milano

benessere e equilibrio energetico personale

mondohonline

benessere e equilibrio energetico personale

Il pensiero di Emanuele Severino nella sua "regale solitudine" rispetto all'intero pensiero contemporaneo

a cura di Vasco Ursini, autore di: Il dilemma verità dell'essere o nichilismo?

Sos Dislessia Milano

benessere e equilibrio energetico personale

mondohonline

benessere e equilibrio energetico personale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: